L'Italo-Americano

italoamericano-digital-11-28-2013

Since 1908 the n.1 source of all things Italian featuring Italian news, culture, business and travel

Issue link: http://italoamericanodigital.uberflip.com/i/218322

Contents of this Issue

Navigation

Page 1 of 23

2 www.italoamericano.com L'Italo-Americano GIOVEDÌ 28 NOVEMBRE 2013 Solo l'1% delle tasse verdi finisce alla tutela del territorio italiano ROMA, non ci sono le condizioni per la grazia a Berlusconi - Il Presidente della Repubblica Napolitano ha gelato le speranze dell'ex premier su cui pesa la sentenza definitiva di condanna pronunciata l'1 agosto dalla Corte di Cassazione. "Non solo non si sono create via via le condizioni per un eventuale intervento del Capo dello Stato sulla base della Costituzione, delle leggi e dei precedenti, ma si sono ora manifestati giudizi e propositi di estrema gravità, privi di ogni misura nei contenuti e nei toni". ROMA, scissione all'interno del centrodestra - Angelino Alfano, l'ex delfino di Silvio Berlusconi, ha tenuto a battesimo il Nuovo centrodestra, un partito nuovo che con 186 parlamentari italiani (56) ed europei (7), un presidente di Regione (Scopelliti), assessori regionali (16), consiglieri regionali (88), si stacca dal partito di Berlusconi e dal rilancio di Forza Italia. ROMA, cammino in salita per la legge di stabilità - Il governo è andato sotto due volte in Commissione Bilancio del Senato dove sono stati approvati emendamenti alla legge di stabilità. Intanto il premier Letta, da Berlino ha rilanciato l'appello all'unità: "Più volte mi avete sentito ripetere che dalla crisi si esce solo insieme, riscoprendo le ragioni di una missione condivisa che abbia l'ambizione di costruire il futuro di questo Paese. Un Paese così fragile eppure così ricco di speranza e bellezza al quale sto dedicando tutto me stesso, cercando di onorare al massimo delle mie possibilità il mandato che il capo dello Stato e il Parlamento mi hanno conferito". ROMA, in carcere più ore d'aria - Dal prossimo aprile i detenuti italiani avranno otto ore da poter trascorrere fuori dalla cella invece delle attuali due. Lo ha detto il Ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri annunciando alcuni cambiamenti che interesseranno il regime carcerario nazionale dove le celle soffrono il sovraffollamento: "Stiamo lavorando sul regime di detenzione. Prima il detenuto aveva solo due ore di libertà, indipendentemente dal tipo di reato. È invece importante che escano, il punto forte è il lavoro''. Il disastro che si è abbattuto in Sardegna ripropone l'annoso problema della mancanza di risorse economiche per la messa in sicurezza del territorio italiano. "Sostenere che queste sciagure accadono perché non ci sono le risorse finanziarie disponibili per la tutela e la manutenzione del nostro territorio risulta difficile, soprattutto a fronte dei 43,88 miliardi di euro che vengono incassati ogni anno dallo Stato e dagli Enti locali dall'applicazione delle imposte ambientali, di cui il 99% finisce invece a coprire altre voci di spesa. I soldi ci sono, peccato che ormai da quasi un ventennio vengano utilizzati per fare altre cose". Così il segretario della Cgia di Mestre (confederazione degli artigiani), Giuseppe Bortolussi dopo la recente elaborazione realizzata dal centro studi. Risulta infatti che solo l'1% delle imposte ambientali pagate dai cittadini e dalle imprese italiane all'Erario e agli Enti locali è destinato alla protezione dell'ambiente. Passando ai dati, e gli ultimi disponibili riguardano il 2011, a fronte di 43,88 miliardi di euro di gettito incassati dall'applicazione delle cosiddette imposte "ecologiche" sull'energia, sui trasporti e sulle attività inquinanti, solo 448 milioni di euro sono andati a finanziare le spese per la protezione ambientale. La Cgia sottolinea che la selva di tasse e imposte ambientali che grava sugli italiani è lunghissima e i tre grandi capitoli su cui insistono le imposte "verdi" sono: energia, trasporti e inquinamento. Come dire che tutta quella serie di imposte che gli italiani pagano continuamente quando fanno il pieno all'autovettura, quando saldano la bolletta della luce o del gas/metano, il bollo dell'auto o l'assicurazione dell'auto, non vanno a sostenere le attività di salvaguardia ambientale per le quali sono state introdotte ma sono disperse altrove.

Articles in this issue

Links on this page

Archives of this issue

view archives of L'Italo-Americano - italoamericano-digital-11-28-2013